Media

TGR-Liguria: Dispositivi NEMS con ossidi a CNR-SPIN - il progetto OXiNEMS

Il telegiornale regionale della Liguria, nell’edizione delle 19.30 del 12 febbraio 2019, ed il TGR LEONARDO del giorno successivo, riportano le attività di SPIN sul progetto OXiNEMS. CNR-SPIN è attivo da anni nello studio di dispositivi microelettromeccanici con nuovi materiali quali gli ossidi di metalli di transizione. Il progetto OXiNEMS consentirà di sviluppare ulteriormente questo filone di ricerca per la realizzazione di nuovi sensori nanoelettromeccanici, con applicazioni previste nel biomagnetismo e in altri settori tecnologici.



Genova24.it: Intervista a Carlo Ferdeghini sul ruolo di SPIN nella trasformazione della città

L‘articolo ad accompagnamento dell’intervista spiega come nascerà a Campi, il centro di competenza START 4.0, dedicato alla cybersecurity, ovvero alla sicurezza informatica con attenzione, principalmente, alle infrastrutture e alle attività portuali. L’edificio, infatti, è sede di uno dei laboratori di eccellenza del CNR, l’ente che guida il progetto, e ha individuato proprio in quella struttura la sede ideale per il centro.
Un’area ideale anche dal punto di vista simbolico perché si trova in quella parte di città che, nel ‘900 era il cuore dell’industria pesante, delle acciaierie, delle fabbriche di cannoni, e che negli anni ha saputo riconvertire la propria vocazione passando, da un lato a una trasformazione commerciale e dall’altro a dare spazio a competenze di altissima tecnologia, tra cui, appunto, il Cnr che vi ha insediato Spin, l'istituto specializzato nella ricerca sui superconduttori.” Nel video, l’intervista a Carlo Ferdeghini, direttore di SPIN.



InnovationPost: OXiNEMS – H2020 FET-OPEN

SPIN è coordinatore del progetto H2020 FET-Open “OXiNEMS” finanziato dall’Agenzia esecutiva per la ricerca della Commissione europea. Al progetto, della durata di quattro anni, sono stati assegnati 3 milioni di euro per lo sviluppo di dispositivi nanoelettromeccanici (NEMS) a base di ossidi di metalli di transizione. Luca Pellegrino, ricercatore SPIN dell’unità di Genova e coordinatore del progetto, presenta OXiNEMS.



TG3: CNR-SPIN a Genova: una eccellenza sulla superconduttività

Genova è uno dei Poli di riferimento sulla Superconduttività applicata, a livello internazionale. Il CERN di Ginevra ha chiesto a SPIN di sviluppare i materiali superconduttori innovativi per lo sviluppo del Futur Circular Collider, il nuovo acceleratore che sostituirà l’attuale LHC. Si tratterà di un anello di 100Km di circonferenza per il quale la superconduttività è una tecnologia cruciale sia per la produzione di alti campi magnetici sia per lo schermo del fascio circolante. Nell’intervista Carlo Ferdeghini, direttore dell’Istituto, ed Emilio Bellingeri illustrano le attività di SPIN.



TGR Leonardo: Genova Superconduttiva

Genova è uno dei poli di riferimento sulla superconduttività applicata, a livello internazionale presentando, sul territorio, tutta la filiera; dagli studi fondamentali, agli studi applicativi, alle importanti realtà industriali. Il CERN di Ginevra ha chiesto a SPIN di sviluppare i materiali superconduttori innovativi per lo sviluppo del Futur Circular Collider, il nuovo acceleratore che sostituirà l’attuale LHC. Si tratterà di un anello di 100Km di circonferenza per il quale la superconduttività è una tecnologia cruciale sia per la produzione di alti campi magnetici sia per lo schermo del fascio circolante. Il servizio è un approfondimento di quello apparso recentemente al TG3-Liguria. Nell’intervista Carlo Ferdeghini, direttore dell’Istituto, Valeria Braccini, Andrea Malagoli ed Emilio Bellingeri illustrano le attività di SPIN sull'argomento.



TG3: Realizzato il primo transistor in materiali superconduttori

Può un campo elettrico trasformare un materiale superconduttore in un normale metallo? Sì, può: è il risultato di una collaborazione tra l'istituto SPIN, l'Istituto Nano-CNR e il NEST di Pisa. Questa scoperta è del tutto inaspettata, poiché si pensava che i superconduttori standard si comportassero come metalli e schermassero completamente i campi elettrici esterni. Al contrario, il team di ricercatori ha scoperto che quando un forte campo elettrico viene applicato a un filo superconduttore, la corrente critica viene soppressa e viene indotta la transizione del filo da superconduttore a metallo normale.
Questa scoperta ha implicazioni importanti. A livello fondamentale, si è raggiunta una comprensione più profonda di come i superconduttori interagiscano e siano influenzati dai campi elettrici. Allo stesso tempo, la scoperta apre la strada allo sviluppo di una nuova generazione di dispositivi (come un transistor ad effetto di campo superconduttore), con una vasta gamma di applicazioni dall'elettronica superconduttiva alle tecnologie quantistiche.
Per ulteriori informazioni contattare il This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.



Notte Europea dei Ricercatori - 28 settembre 2018 - Napoli

A Napoli, per la Notte Europea dei Ricercatori, siamo andati a scoprire il progetto "SHARPER" (SHaring Researchers' Passions for Evidences and Resilience), ovvero "condividere le passioni dei ricercatori, per il coinvolgimento e la responsabilità", il 28 settembre scorsi in vari luoghi della città e del circondario. Rai Scuola, media partner dell'iniziativa, ha mandato le sue telecamere in importanti luoghi d'arte e di cultura della città partenopea, dalla Cappella Sansevero alla Società Napoletana di Storia Patria, per raccogliere le testimonianze dei protagonisti dell'evento: scienziati e ricercatori impegnati, fino a tarda notte, a favorire l'incontro tra sapere scientifico e grande pubblico di tutte le età. La scienza sposa l'arte nell'ambito delle celebrazioni dell'Anno Europeo del patrimonio Culturale. Ecco l'intervista con Giampiero Pepe e Fabrizio Masucci alla Cappella Sansevero.



Memex: Galileo - Puntata 25 del 7 maggio 2018

Il Prof. Gianni Profeta, associato dell'Istituto SPIN ,e' stato invitato presso la trasmissione Memex su Rai Scuola in cui e' stato intervistato sulle proprietà fisiche della materia in condizioni estreme. In particolare, nel suo intervento ha introdotto i materiali in 2 dimensioni ed ha introdotto gli effetti delle alte pressioni sui materiali superconduttori. Tali tematiche sono al centro della ricerca di SPIN sui materiali innovativi e rappresentano la frontiera della ricerca scientifica moderna.



Genova Smart Week: L'energia per l'innovazione

Dal 20 al 24 novembre 2017 la città di Genova ha ospitato “L’energia per l’innovazione”, la terza edizione della Genova Smart Week. La settimana è stata animata da iniziative congressuali, workshop tecnici e di taglio divulgativo, una piccola expo all’interno del Colonnato di Palazzo Tursi in cui sono stati presenti alcuni partner e sponsor di quest’edizione e momenti di networking riservati che hanno coinvolto player nazionali ed internazionali chiamati a confrontarsi sul tema dell’innovazione per lo sviluppo di una città vivibile.
Nel filmato l’intervista a Carlo Ferdeghini sul contributo del CNR all’iniziativa.



MEMEX: I luoghi della scienza - Superconduttori: i supereroi dell’energia

La superconduttività è un fenomeno scoperto più di un secolo fa che consiste nella caratteristica che alcuni materiali hanno di permettere il fluire della corrente elettrica senza opporre alcuna resistenza. La produzione di campi magnetici molto elevati mediante la realizzazione di elettromagneti è la principale applicazione di questi materiali. L’utilizzo di questi magneti spazia dal biomedicale, con le macchine per la diagnostica a risonanza magnetica, alle risonanze magnetiche in alto campo per la ricerca chimicofarmacologica, ai magneti per la ricerca e alle grandi infrastrutture per la fisica nucleare, come i rettori a fusione nucleare o i grandi acceleratori di particelle. Della ricerca in corso a Genova che è una delle capitali mondiali della superconduttività per la presenza di importanti centri di ricerca e di alcune delle più importanti industrie nel campo ce ne parla a MEMEX - I luoghi della Scienza, Emilio Bellingeri, Ricercatore CNR-SPIN.



Festiva della scienza 2017: Luca Pellegrino - cosa sono i microattuatori

I microattuatori sono strutture artificiali microscopiche in grado di produrre movimenti e applicare forze alla scala micro e nanoscopica, componenti fondamentali della tecnologia moderna con applicazioni nel campo medicale, nella robotica, nelle telecomunicazioni e nella ricerca scientifica. Ogni tipo di applicazione ha bisogno di un microattuatore speciale. Ce lo spiega Luca Pellegrino, ricercatore Spin - Cnr, intervenuto al Festival della Scienza di Genova 2017.



MEMEX: Progettare la materia

La nostra capacità di “guardare da vicino” gli atomi, le molecole, la materia, ci dà agio di studiarne le strutture e di poter manipolare la materia su scala atomica; questo al fine di realizzare forme artificiali di aggregazione della materia stessa, non esistenti in natura, generando così strutture con proprietà uniche, fondamentali per la creazione, ad esempio, di apparecchi che ormai coabitano l’esistenza quotidiana di ciascuno di noi, e quindi di dispositivi miniaturizzati e di apparati microelettronici. Basti pensare ad un esempio per tutti, che riguarda tutti: lo smartphone.
Ne parla a Memex Corrado Spinella, Fisico, Direttore del dipartimento di Scienze fisiche e tecnologie della materia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).Ospite in studio Carmela Aruta, ricercatrice presso l’Istituto CNR SPIN – Istituto Superconduttori, materiali innovativi e dispositivi.

 


neaPòlis - Superconduttività: opportunità di sviluppo e trasferimento tecnologico

Napoli, 29 marzo 2017
Seminario organizzato dall'Istituto SPIN e dalla "Scuola Politecnica e delle Scienze di Base", Università di Napoli Federico II. Partendo dalla consolidata tradizione riguardante le attività di ricerca sulla supercondibilità e le sue applicazioni nella Regione Campania, e dalla prospettiva di Columbus Superconductors SRL per gli investimenti nella stessa Regione, il seminario mira a esplorare le opportunità diffuse provenienti da rilevanti pianificazioni e finanziamenti della ricerca e dalle iniziative di trasferimento tecnologico nel campo della superconduttività. Intervengono: Piero Salatino, Scuola Politecnica e delle Scienze di Base - Università Federico II Napoli; Giampiero Pepe, Università Federico II Napoli e CNR-SPIN, Carlo Ferdeghini, Direttore CNR-SPIN; Leopoldo Angrisani, Università Federico II Napoli; Giovanni Grasso, Columbus Superconductors.